1. (Fonte: Spotify)

     

  2. drownedscream:

    Anni, “amori”, amicizie, gioie e dolori, in un certo senso loro ci sono sempre stati. Eran sempre lì con i loro testi le loro musiche. Con le loro introspettive.
    Oggi, a distanza di 15 anni dal mio primo ascolto mi ritrovo a rivivere determinate emozioni che in Eden e Amorematico un po’ mi erano…

     
  3. harbingermine:

    Whoa…

    (via orph)

     

  4. Hypatia: the Martyr Mathematician (350~370?-415 CE)

    rejectedprincesses:

    image

    There are few women whose legacies have been more of a political football than Hypatia of Alexandria. She was not only the last scientist to work in the Library of Alexandria, but the first female mathematician in recorded history. She also was an expert astronomer, philosopher, physicist, and overachiever. Unfortunately, Hypatia was killed by a mob of Christian zealots in particularly grisly fashion, turning her life story into a point of contention for centuries to come. Let’s try and unwind this gordian knot after the cut.

    Read More

     

  5. (Fonte: Spotify)

     
  6. gdfalksen:

    History in photos

    (Fonte: jakexp)

     
  7. lartespiegataaitruzzi:

    Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 1475 – Roma, 1564)

    Volta della Cappella Sistina

    1508-12, Vaticano

    affresco, m 41 x 13,5 circa

    -

    Quanno che er papa Giulio II je chiese de dipigne er soffitto daa Cappella Sistina, a Michelangelo je prese un mezzo coccolone, che nun j’annava pe gnente, primo perché se sentiva scurtore no pittore, seconno perché daa tecinca d’aaffresco nun se sentiva tanto sicuro, terzo perché co sto papa ce stava sempre a litigà. Ma dopo du anni de tira e molla finarmente mise mano ar pennello: e pe dilla tutta, popo na ciofeca nun j’è venuta.

    Pe quattr’anni se ne stette sull’impalcature mezzo sdraiato caa pittura che je cascava in faccia, ma ce prese gusto, tanto che da na ventina de figure che doveva da fà all’inizio, aa fine ce ne stanno più de trecento.

    Pe falla breve, che co te na parola è poca e du so troppe, tutt’attorno, drento quii triangoli e nee lunette sopra ‘e finestre, ce stanno l’antenati de Gesù, daa famija de Davide, no Davide er Patata ma Davide re de Israele, che Gesù era ebreo, anche se a vorte quanno ‘o dici a gente te guarda come a dì “ma che me stai a pijà per culo?”.

    Poi, ce stanno dee figure più granni, sedute, ommini e donne: l’ommini sò li profeti sempre de Israele, che stanno naa Bibbia, tipo Isaia, Geremia, così, mentre ‘ e donne sò ‘e Sibille, che verebbe come a dì profetesse Greche e Romane; che seconno li cristiani sia l’uni che l’antre nee loro profezie parleno de Gesù che deve arivà. Come a dì, nun solo l’Ebrei staveno a aspettà er Messia, che però poi quanno è arivato nun l’hanno riconosciuto: ma pure li pagani ‘o staveno a aspettà pure senza sapello. Morale daa storia: quello che te capita, o nun è quello che t’aspettavi, o nun sapevi de aspettallo. Che aspetti a fa?

    E infine, tutto lungo er centro der soffitto, ce stanno ‘e storie daa Genesi, che sarebbe er primo libro daa Bibbia ndo se recconta popo l’inizio der monno: e vedi Dio che da principio se mette là e divide luce e ombra, poi fa ‘e piante, er sole, ‘a luna, i mari, ‘a tera, e infine er primo omo che se chiamava Adamo. E dopo avè fatto Adamo soo guarda e dice: “Bè, bè, sò stato bravo eh, come prima prova: mo famo sur serio e tiramo fòri er modello delux.” E te fece ‘a donna. E poi finarmente se riposò. E ‘a donna iniziò a spiccià casa e nun s’è fermata mai. No aspè: quella è ‘a punizione pe er Peccato Origginale, che disobbedischeno a Dio e se magneno sta mela che era er frutto daa conoscenza, che forse in effetti era mejo prima, che nun se sapeva gnente, no? Innocenti come pupi. Anvece quanno inizi a capì sò cazzi amari, perché vedi er bene e er male, sai che devi fà er bene, ma spesso fai er male uguale. Dio se incazza e ‘i caccia via. Basta giardino dell’Eden, tajatevi sti capelli, metteteve du stracci addosso che nun ve se pò vede, e annate a lavorà.

    E ‘a storia finisce co Noè, che anfatti Dio je manna er diluvio all’umanità perché da che hanno lassato er Paradiso Terestre l’omini nun sò mijorati, anzi. Però a Noè ‘o sarva, lui e ‘a famija sua. E lì pe lì Noè je dice pure grazie a Dio, je offre sacrifici, dice “bada vojo faje vede a Dio che io sò bravo, me metto de impegno a lavorà”, e inizia a cortivà ‘a tera, e scopre ‘a vite, e ce fa er vino… bono! Bevine uno bevine due, poraccio, che ne sapeva d’eeffetti collaterali, insomma daje e daje se imbriaca. E gnente: semo irecuperabbili, Signò, scusece tanto, gna potemo fà.

     

  8. ilpessimista:

    Settembre è stagione di caccia, questo è noto, specialmente nelle mie zone d’origine. E siccome pur essendo emigrato non riesco evidentemente a sfuggire al richiamo della foresta, anche io ho cominciato la mia stagione venatoria personale. La mia non è caccia tradizionale però, almeno non avviene…

     

  9. Boudica: the Headhunter Queen (20s?-60 AD)

    rejectedprincesses:

    image

    At the height of its power, Rome once seriously considered giving up its British holdings entirely. The reason? Queen Boudica, whose brutal revenge spree made her the Roman bogeyman for generations. She killed 70,000 people, burnt London to the ground, established herself as the most famous headhunter of all time - and to this day, Britain loves her for it.

    You can stop emailing me about her now. More after the cut.

    Read More

     

  10. Deve essere che sono ricominciate le scuole…

    Lo devo proprio scrivere. Non c’è altro modo.

    Mi rode il culo. 

    Ma proprio rodimento rodimento. Rodimento di quello brutto che per quanto gratti, sticazzi. Lui rode. Non ci pensi, e lui rode. Non ci fai caso, e lui rode. Figurati quando te lo ricordano, per sbaglio o volontariamente che sia. Mi rode il culo.

    Mi rode come quando ti sorpassano in auto. 

    Tu sei lì che vai alla tua velocità sulla tua corsia, bella tranquilla, tutto è ok, hai controllato, hai fatto tutto quello che dovevi, sei sicura, a posto con tutto, assicurazione/benzina/velicitàdicrociera/pitstop e tutto. E poi arriva lui, quello che ti sorpassa. Insomma, tu sei quella che si è fatta tutto il viaggio come si deve, e questo ti sorpassa! Così, come niente fosse. E ti rode, ti rode eccome perché allora che succede, ha ragione lui? Sta viaggiando meglio di te? E’ più bravo? Chicazzosicredediessere?

    E dire che tu la tua bella macchina te la sei curata. L’hai presa che non dico fosse un rottame, ma sicuramente era molto trascurata, lì in un angolo dimenticato, ammaccata e scrostata. Due colpi di martello e la carrozzeria è diventata bella liscia. Poi l’hai sverniciata, ridipinta, con calma, stendendo bene la vernice, stando attenta a non sbavare e a fare un lavoro fatto per benino. L’hai cromata, l’hai lavata, l’hai lucidata tutta bella bella, anni di lavoro, il motore fa le fusa, lei parte quando deve, e siete così belle insieme, così perfette sulla strada, nella vostra corsia, alla velocità giusta, tutto perfetto.

    Ma ti ha sorpassato. Brutto stronzo.

    E ti rode il cazzo di culo.

    Poi oh. Capace che dopo qualche centinaio di km lo ritrovi in piazzola d’emergenza con il motore che fuma. Bravo idiota, così impari a sorpassare così senza motivo. 

    Però intanto…