lartespiegataaitruzzi:

Giuseppe Gualandi (Bologna, 1870-1944)
Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio
1894-1917, Roma
cemento armato, statue in pietra artificiale (sostituite dagli anni ’60 con statue in pietra di san gottardo)
-

Te vedi sta chiesa e te pensi de sta a Parigi sur Lungosenna. E invece stamo a Roma capoccia, sur Lungotevere, quasi appiccicato ar Vaticano.
E poi te verebbe da pensà – dice: “ammazza na chiesa gotica a Roma, bello”; e invece hai toppato de novo, perché sta chiesa è solo neo-gotica, essendo anfatti datata 1917. E’ un “revaival”.
Terzo poi, te viè comunque da ammirà sta bella facciata, per quanto fintogotica, tutta bella de pietra: e nun sai che stai a toppà paa terza vorta, perché ‘a facciata è fatta de cemento armato. Un po’ tipo l’amburgher de soja o ‘e porpette de seitan, pe dì.
Insomma, come te metti sbaji: ma d’antra parte, sbajà è umano. Tanto che dice che nell’ardilà ce sta un posto chiamato Purgatorio, ndove quelli che sbajano - ma solo un pochetto, no popo grave grave -, vanno a medità e soffrì n’anticchia prima de annà definitivi in Paradiso. E pensa che accanto a sta chiesa qui ce sta un museetto pieno de (presunte) testimonianze dell’anime che stanno a purgasse in Purgatorio. Chissà che nun ce stia pure l’architetto qua, sopraffino ingannatore.

lartespiegataaitruzzi:

Giuseppe Gualandi (Bologna, 1870-1944)

Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio

1894-1917, Roma

cemento armato, statue in pietra artificiale (sostituite dagli anni ’60 con statue in pietra di san gottardo)

-

Te vedi sta chiesa e te pensi de sta a Parigi sur Lungosenna. E invece stamo a Roma capoccia, sur Lungotevere, quasi appiccicato ar Vaticano.

E poi te verebbe da pensà – dice: “ammazza na chiesa gotica a Roma, bello”; e invece hai toppato de novo, perché sta chiesa è solo neo-gotica, essendo anfatti datata 1917. E’ un “revaival”.

Terzo poi, te viè comunque da ammirà sta bella facciata, per quanto fintogotica, tutta bella de pietra: e nun sai che stai a toppà paa terza vorta, perché ‘a facciata è fatta de cemento armato. Un po’ tipo l’amburgher de soja o ‘e porpette de seitan, pe dì.

Insomma, come te metti sbaji: ma d’antra parte, sbajà è umano. Tanto che dice che nell’ardilà ce sta un posto chiamato Purgatorio, ndove quelli che sbajano - ma solo un pochetto, no popo grave grave -, vanno a medità e soffrì n’anticchia prima de annà definitivi in Paradiso. E pensa che accanto a sta chiesa qui ce sta un museetto pieno de (presunte) testimonianze dell’anime che stanno a purgasse in Purgatorio. Chissà che nun ce stia pure l’architetto qua, sopraffino ingannatore.

24 notes

gdfalksen:

Lots and lots of kitties..

(Source: senpais)

111,886 notes

247horny:

247horny.tumblr.com


Muahahahahaahahahahha

247horny:

247horny.tumblr.com

Muahahahahaahahahahha

150 notes

lartespiegataaitruzzi:

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)
Ultima Cena
1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie
cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco
-
Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.
Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.
Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.
E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.
Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.
Ma vedemo de vedè quello che se vede.
Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.
E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.
E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.
E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.

lartespiegataaitruzzi:

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)

Ultima Cena

1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie

cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco

-

Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.

Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.

Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.

E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.

Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.

Ma vedemo de vedè quello che se vede.

Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.

E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.

E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.

E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.

55 notes

neracomeossidiana:

my-chemical-romance-01-13:

debolecomeunafogliainautunno:

syaomie:

airakanke:

tiffanydraws:

Read from right to left :)

This is a little manga I wrote to show how a girl’s efforts to make someone hurting smile ends up revealing a similar compassion from the very boy she was trying to comfort. It shows how a little kindness can sometimes seem pointless but it can be contagious and turn around to help the person giving it more than the one receiving it. 

SDOHUFodshuf omg this is so so so so so cute I love iiiit ahhh

I ship this.

Adesso piango..

oddio.

Che amori.

173,783 notes